Bosso

Scarica in PDF

Nome scientifico: Buxus sempervirens
Nome comune: Bosso
Divisione: Angiospermae
Classe: Dicotyledones
Ordine: Tricoccae
Famiglia: Buxaceae


 10_bosso

Origine e Diffusione
Originario dell’Europa e di alcune regioni nordafricane e dell’Asia occidentale. Diffuso in Italia a scopo ornamentale.

Dimensione e Portamento
Pianta a portamento arbustivo con chioma densa e compatta e generalmente conica o globosa. Raggiunge altezze di 2-6 metri.

Tronco e Corteccia
Pianta a fusto basso, sinuoso, solitamente diviso e ramificato fin dalla base; forma una chioma larga ed espansa, piuttosto bassa e regolare. La scorza è ocracea e ruvida già nei giovani organi legnosi, diventa nocciola-brunastra e presenta dei rilievi e delle nervature in quelli più vecchi.

Foglie, gemme e rametti
Arbusto a foglia persistente, semplice, con lamina tondeggiante, obovata-ellittica o lanceolata (a seconda delle diverse forme varietali) con apice arrotondato o smarginato. Il margine è intero e leggermente ripiegato verso la pagina inferiore. Le foglie hanno consistenza fortemente coriacea, sono color verde scuro e lucide nella pagina superiore e verde chiaro in quella inferiore. Le foglie sono inoltre brevemente picciolate e lunghe 1-3 centimetri.

Strutture riproduttive
Pianta monoica con fiori unisessuali. Le infiorescenze miste sono formate da un fiore femminile centrale circondato dai fiori maschili. Queste infiorescenze sono molto piccole e poste lungo i rametti all’ascella delle foglie; sono di colore giallastro. La fioritura si ha fra aprile e maggio. I frutti sono rappresentati da piccole capsule ovoidali o cilindriche che presentano nella parte superiore 3 prolungamenti esterni a cornetto: viste dall’alto, le 3 protuberanze sono poste ai vertici di un triangolo.

Note caratteristiche
Il Bosso è una pianta spontanea dell’Italia centro-settentrionale. Si adatta sia ad areali pianeggianti che collinari e submontani, fino a 600-800 metri d’altitudine. Viene anche coltivato e utilizzato come pianta ornamentale e d’interesse paesaggistico di sicuro effetto decorativo. Sono state selezionate anche molte varietà: alcune nane per piccole siepi o bordure, altre con particolari caratteristiche del fogliame o del portamento per altre soluzioni Il Bosso inoltre si adatta, unitamente al Ligustro, a interessanti soluzioni paesaggistiche, come quelle dell’arte topiaria dei classici giardini rinascimentali italiani, dove si cercava di dare a queste piante una forma che richiama figure di animali o altro.

 

Ascolta la nostra guida in lingua italiana

 

Scarica i file audio nelle diverse lingue:
bandiera-itbandiera-enbandiera-frbandiera-esbandiera-de